"Mi ritorna un'estate lontana"

 

mi ritorna un’estate lontana
spenta su labbra d’un fermo pallore

giacevi composta in grembo alla terra
nel fruscio d’una foglia dicendo il mio nome

– io ti sentivo –

mentre alto sul colle di marmo
il sole danzava un assurdo tripudio

– poi, fu il tonfo nel buio –

e in un coro di voci sommesse
in un breve sbattere d’ali

muta la foglia ristette.
 

(a Maria Pia)

Autrice: Chiara Celi