I FORUM DI MILLESTORIE
I FORUM DI MILLESTORIE
Home | Profilo | Registrazione | Pubblicazioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Dimenticata la tua Password?

 All Forums
 le PAROLE, le IMMAGINI, i SUONI per dirlo
 LIBRI
 I pappagalli verdi
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Author Previous Topic Topic Next Topic  

n/a
deleted

1691 Posts

Posted - 01 Aug 2007 :  15:46:55  Show Profile  Reply with Quote
Sono 110 milioni i pappagalli verdi presenti in 67 paesi. Non si tratta di dati forniti da animalisti i quali probabilmente sarebbero soddisfatti di un numero così elevato che salverebbe dal rischio di estinzione i curiosi e simpatici volatili. Purtroppo non sono a rischio di estinzione i pappagalli verdi di cui parla Gino Strada nel suo bel libro intitolato, appunto, "Pappagalli verdi".

Si tratta di mine antiuomo che,con la loro forma graziosa somigliante a un giocattolo,
attirano l'attenzione soprattutto di bambini che, appena li toccano, muoiono, ridotti in brandelli, o restano ciechi o perdono una gamba o tutte e due. In un istante la loro vita se ne va o resta cambiata per sempre. Una vita passata su una carrozzella o saltellando su due stampelle o camminando faticosamente sulle protesi.

Le mine antiuomo costano pochissimo, per la maggior parte sono prodotte in Italia.
Per disinnescarle i costi sono altissimi e occorre molto tempo e l'opera precisa di esperti, non priva di rischi. Nella bellissima prefazione al libro di Strada, Moni Ovadia definisce le mine antiuomo "fiori metallici dell'infinita infamia
umana". La conferma di questa definizione la dà una soldatessa, una donna-cecchino di Sarajevo che aveva centrato la fronte di un bambino con il suo fucile ad alta precisione. Intervistata nel buio di una stanza che le consente l'anonimato, alla domanda dell'intervistatore: "Perché una donna spara ad un bambino di sei anni?", risponde: "tra vent'anni ne avrebbe avuto ventisei".

I luoghi in cui si muove Strada sono molti: dal Kurdistan all'Afganistan, dall'Etiopia a Sarajevo, dal Pakistan al Perù. Con il suo team costruisce ospedali, spesso sotto le bombe. Arrivano morti e feriti. Il lavoro è sempre un'emergenza. Capita anche che i feriti siano tanti e tanto gravi e il tempo così avaro da costringere il gruppo di chirurghi a fare una scelta, il triage che è uno dei momenti più tragici di una vita
vissuta sempre a contatto con la morte. Con il triage i chirurghi, loro malgrado, debbono decidere chi potrà vivere e chi dovrà morire.

Eppure la vita di questi folli di Dio sembra scorrere normale. Non mancano momenti di allegria, perfino di divertimento, ma il dolore delle vittime pesa sempre sul cuore generoso di questi convinti oppositori di ogni guerra perché, della guerra, hanno sperimentato la mostruosa essenza. Ciò che colpisce, del libro, è la figura antieroica di Gino Strada. Si dice entusiasta del suo lavoro che vive anche con sensi di colpa perché lo tiene lontano dalla moglie e dalla figlia. Eppure, nonostante le lunghe assenze da casa, si capisce che il rapporto con la moglie e la figlia è saldo, molto più saldo di certi rapporti in cui la presenza del marito e del padre è costante.

Nella straordinaria dedica che Gino Strada offre alla moglie Teresa, alla fine del libro, del suo lavoro dice: "A qualcuno sarà stato utile. Che cosa abbia guadagnato non lo so. So di certo che cosa ho perso".

Caro chirurgo di guerra, Raniero La Valle ti direbbe che, assumendo il dolore delle vittime, hai dato molto di quell'amore che ancora tiene il mondo in piedi.
E Moni Ovadia, alla fine della sua prefazione dice: "I tempi delle palingenesi rivoluzionarie, assolute e totalizzanti sono finiti, ma ci sono luoghi di rivoluzione nei posti più impensati e uno di questi luoghi è sicuramente il bisturi di Gino Strada."

"Pappagalli verdi" di Gino Strada
Edizione Feltrinelli. Euro 6,00

A Emergency vanno i diritti d'autore di questo libro.



Aspettiamo la stella mattutina dall' ala bianca che viaggia nelle tenebre, primo annunzio del sole.
Jone di Ceo.
Tradotto da Quasimodo

susysusy
Autore

Italy
3522 Posts

Posted - 21 Aug 2007 :  10:53:07  Show Profile  Reply with Quote
grande iniziativa, grande uomo Gino Strada e grande valore ad Emergency, e purtroppo grande e triste realtà i "pappagalli verdi"

------------------------------------------------

…e c’è sempre qualcuno
a cui dedicare qualcosa
un verso, un pensiero, una vita.


Susy



http://girasole77.splinder.com


Go to Top of Page

n/a
deleted

1691 Posts

Posted - 22 Aug 2007 :  00:31:43  Show Profile  Reply with Quote
Per fortuna in questo mondo imbabarito ci sono anche tante persone come Gino Strada.
Ciao. Susy. Franca.

Aspettiamo la stella mattutina dall' ala bianca che viaggia nelle tenebre, primo annunzio del sole.
Jone di Ceo.
Tradotto da Quasimodo
Go to Top of Page
  Previous Topic Topic Next Topic  
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
I FORUM DI MILLESTORIE © MILLESTORIE Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.05