I FORUM DI MILLESTORIE
I FORUM DI MILLESTORIE
Home | Profilo | Registrazione | Pubblicazioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Dimenticata la tua Password?

 All Forums
 le PAROLE, le IMMAGINI, i SUONI per dirlo
 MUSICA
 RECENSIONE DEL MESE: WHITE STRIPES
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Author Previous Topic Topic Next Topic  

Luca Iaco
Autore

416 Posts

Posted - 05 Oct 2008 :  10:39:22  Show Profile  Reply with Quote
THE WHITE STRIPES


Il duo americano White Stripes, nacque nel 1999 in un garage di Detroit. I componenti sono due strani personaggi.
Lei ha capelli neri, occhi celesti e naso piccolino. Lui porta i capelli a caschetto, non sta un minuto zitto (al contrario di Meg che dice: “più parli più la gente non ti ascolta”, e per questo non apre mai bocca) e una voce a metà tra Robert Plant e Mick Jagger.
Meg suona la batteria da dilettante, nonostante abbia alle spalle oramai sei dischi, per un totale di circa settanta canzoni e un numero incalcolabile di concerti. Jack dice che il modo di suonare di Meg non è assolutamente limitante, anzi “Meg è la parte migliore di questa band, non avrebbe mai funzionato con nessun altro. Quando ha cominciato a suonare la batteria con me è stato liberatorio e anche rinfrescante. Così sono riuscito realmente ad arrivare a qualcosa”. Meg, quindi, ha fatto di questo suo dilettantismo, un vero e proprio stile.
Jack (nato col nome di John Gillis, ha preso in seguito il cognome di Meg) afferma che la musica non era la sua prima scelta come carriera, anche se già all’età di cinque anni suonava anche lui la batteria. “Quando frequentavo il liceo presi in seria considerazione l’idea di diventare prete. Alla fine andai a lavorare come tappezziere e ogni tanto come comparsa in alcune pubblicità per automobili”. Infine aveva capito che lì non avrebbe mai potuto far emergere le sue idee con tutte quelle persone intorno. Ed ecco come nacquero gli eclettici White Stripes.
Quando si ascolta questa band (che è tra le più promettenti nel panorama dell’attuale musica rock e sicuramente destinata a durare ancora per molto e a fare “storia”), sembra di ascoltare un gruppo molto meno recente. Ma non perché la loro musica sia vecchia, ma semplicemente perché è completamente diversa dalla musica che si può ascoltare oggi alla radio o su Mtv. Quante band avete visto che suonano in due? Quante band avete mai visto che suonano solo batteria e chitarra e voce, o batteria pianoforte e voce? La loro musica esprime rabbia, malinconia, un desiderio di ritorno al semplice e “all’infantile”, al minimalismo più genuino.
Al loro primo disco i White Stripes erano “la classica band dell’undergroud che tutti amano perché la conoscono solo loro”. Quando invece uscì White Blood Cells tutto il mondo già li conosceva.
Il loro bleus-rock è molto semplice e diretto. Solo nell’ultimo album le canzoni sono diventate un po’ più complesse con l’aggiunta della marimba (una specie di xilofono che al posto delle stecchette di legno o di ferro ha delle lunghe zucche). “Ma vogliamo sempre che tutto nel gruppo sia costituito dal numero tre: chitarra, batteria, voce. Rosso, bianco, nero (che sono i loro colori). Parola, melodia, ritmo.” I White Stripes non fanno utilizzo di computer durante l’incisione dell’album: “Mi scandalizzo quando sento gruppi proclamare di essersi rinchiusi per nove mesi in una sala d’incisione con cento chitarre e di aver speso milioni per registrare un album. A noi ci basta uno studio, una chitarra, una batteria e due settimane di tempo. E tutte queste nostre costrizioni, sono un modo per decuplicare la nostra creatività. Penso che le macchine siano nocive e che si debba rimanere vigili. Per questo noi non le usiamo.”


Seven Nation Army
http://www.youtube.com/watch?v=6j7huh5Egew

Hotel Yorba
http://www.youtube.com/watch?v=NXmF3an6kYI


You Don't Know What Love Is
http://www.youtube.com/watch?v=elawNwIQax4&feature=related









Edited by - Luca Iaco on 05 Oct 2008 10:46:11

Gibbì
Autore

Italy
1235 Posts

Posted - 05 Oct 2008 :  12:21:56  Show Profile  Reply with Quote
Sono molto simpatici e hanno energia. E lei è deliziosa.
A me piace molto 'sta cover di un pezzo di Burt Bacharach:

I just don't know what to do with myself
http://www.youtube.com/watch?v=bTKCFh8qcik


da Dusty Springfield
http://www.youtube.com/watch?v=EA48IL6bQQU
Go to Top of Page

Luca Iaco
Autore

416 Posts

Posted - 05 Oct 2008 :  19:53:16  Show Profile  Reply with Quote
quella che hai postato tu è la mia canzone preferita dei white stripes, nonostante non sia loro. è una delle poche cover che è riuscita meglio dell'originale.
Go to Top of Page
  Previous Topic Topic Next Topic  
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
I FORUM DI MILLESTORIE © MILLESTORIE Go To Top Of Page
Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.05